Condividi
Home » Vivere il Parco » Itinerari e Percorsi » Itinerari Tematici

Itinerario Archeologico

Pantelleria Capoluogo, Mursía, Çimillía, Scauri Scalo, Zighidí, Lago Bagno dell'Acqua, Acropoli di San Marco

In bici In auto         Elevato interesse: archeologia Elevato interesse: storia 
  • Lunghezza: 19.5 km
  • Dislivello: in salita 587 m - in discesa 622 m

La visita ai siti archeologici è indispensabile per comprendere l'eccezionalità e l'importanza dell'isola di Pantelleria attraverso la storia, le sue tradizioni e il suo rapporto con il Mare Mediterraneo. Seguendo l'itinerario archeologico si possono ripercorrere le tappe principali del popolamento di Pantelleria, dalla Preistoria alla fine dell'Impero Romano, e lasciarsi meravigliare dalle preziose testimonianze: passeggiare tra le capanne del popolo dei Sesi, tra le abitazioni dell'antica Kossyra, ammirare sepolcri ritagliati nella pietra dalle sagome di uomini del passato ancora riconoscibili, mura ciclopiche e Menir isolati, segni tangibili di una civiltà che ha abitato l'isola in un lasso di tempo di 4000 anni.


(foto di Parco Nazionale Isola di Pantelleria)
 

   Scarica KMZ  
 

L'isola di Pantelleria è stata frequentata dall'uomo fin dal Neolitico (V millennio a.C). Ciò si desume dalla presenza di ossidiana pantesca rinvenuta in contesti del medesimo periodo sia in Sicilia che a Malta. Una delle attrattive principali per l'uomo preistorico dovette essere, infatti, proprio il prezioso "vetro vulcanico" che abbonda in più zone dell'isola ed era utilizzato nella produzione di strumenti litici e monili.

Il primo insediamento dell'Isola è datato al XVI secolo a.C. durante la Prima Età del Bronzo: il villaggio di Mursia (1), il suo grande muro megalitico difensivo e la necropoli dei Sesi (2), tumuli funerari unici per le loro caratteristiche in tutto il Mediterraneo.

A partire dal V secolo a.C. l'isola divenne una colonia punica cartaginese (dal nome YRNM, e poi KOSSYRA). La più grande testimonianza della occupazione punica è l'Acropoli di San Marco (3), dove la continuità abitativa fino alla fine dell'Impero ha permesso di ricostruire i momenti cruciali dell'isola dalla fondazione come colonia di Cartagine, fino alla fase romana.
Con la dominazione romana, dal I secolo a.C., l'isola visse il suo periodo aureo come testimoniano i resti del Santuario punico-romano (4) che si trova sulle sponde del lago.
In Età tardo-romana si assiste all'organizzazione e alla fioritura di un nuovo insediamento artigianale (5) lungo la costa meridionale dell'isola, a Scauri, che nel IV e V secolo si sviluppa grazie ai traffici commerciali del porto e alla produzione ed esportazione del vasellame da fuoco.

Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione