Condividi
Home » Paesaggio naturale » Geositi

Scarpetta di Cenerentola

(Regional value)

Caratteristica marmitta dei giganti costiera con caratteristica forma, comunicante con il mare, accessibile a nuoto tramite un breve tunnel semisommersa.

  • Codice Geosito: 057
  • Denominazione: Scarpetta di Cenerentola
  • Ubicazione: Italia, Regione Sicilia, Provincia di Trapani, Comune di Pantelleria
  • Coordinate geografiche: 36°49'22.19"N; 12° 0'13.43"E
  • Altitudine: 1m slm
  • Livello di interesse: Regionale
  • Interesse Scientifico Principale: geomorfologico, vulcanologico, biologico
  • Interesse Scientifico Secondario: geochimico, conservazionistico
  • Tipologia di Geosito: geologico

L'edificio vulcanico del Khaggiàr è un domo lavico collassato con estese colate trachitico-pantelleritiche risalenti a circa 7.000 anni fa (Mahood et al., 1983; Civetta et al. 1988; Orsi et al., 2008), (Figura 1).
Questi depositi vulcanici sono appartamenti al VI Ciclo descritto da Civetta et al. (1988), i quali descrivono la storia vulcanica di Pantelleria nel periodo Post-Tufo Verde (ossia posteriore a 46.000 anni fa).
La lunghezza dei flussi lavici diminuisce con l'altezza stratigrafica, nel caso del domo di Khaggiàr i più lunghi raggiungono circa 1,5 km dal centro di emissione. La parte superiore della sequenza è costituita da flussi lavici che hanno fluito su brevi distanze, e che formano un cono con fianchi molto ripidi, nel caso del domo di Khaggiàr, sono principalmente vergenti verso nord (Figura 1). Il domo del Khaggiàr è stato interessato nelle fasi finali della sua crescita da collassi laterali e successive estrusioni di colate laviche, (Orsi et al., 2008).
Nella zona costiera della colata del Khaggiàr (ossia nelle zone "Punta Spadillo") presenti strutture colonnari pantelleritiche (Fonseca F., 2018). Queste strutture colonnari, insieme all'erosione, hanno formato una figura simile ad "una scarpa di tacco a spillo", che oggi viene denominata "Scarpetta di Cenerentola" (Figura 2).


Maggiori dettagli: (mappa)

Conservazione: Mediamente conservato.

Come raggiungere il sito:
Il Geosito n°57 si raggiunge principalmente dal mare.

Bibliografia:
- Civetta, L., Cornette, Y., Gillot, P.-Y. e Orsi, G., 1988. The eruptive history of Pantelleria (Sicily Channel) in the last 50 ka. Bulletin of Volcanology 50, 47-57.

- Fonseca F. (2018): "Rilevamento Geologico-Tecnico e Vulcanologico di Alcuni Settori Emersi e Sommersi della Costa NW dell'Isola di Pantelleria". Tesi di Laurea Sperimentale in Rilevamento e Cartografia Geologico-Tecnica. Sapienza Università di Roma.

- Mahood, G.A. e Hildreth, W., 1983. Nested calderas and trapdoor uplift at Pantelleria, Strait of Sicily. Geology 11, 722-726.

- Orsi G., Civetta L., D'Antonio M. (2008). L'isola di Pantelleria Guida all'escursione. XXII Giornata di Studi e Laboratorio "Valorizzazione e tutela del paesaggio geologico di Pantelleria per una politica geoturistica in Sicilia", 27 - 28 - 29 giugno 2008, Pantelleria. Ordine Regionale dei Geologi di Sicilia.

Comune: Pantelleria (TP) | Regione: Sicilia | Localizza sulla mappa
Figura 1: Edificio vulcanico di Kúddia Randázzo
Figura 1: Edificio vulcanico di Kúddia Randázzo
(foto di Parco Nazionale Isola di Pantelleria)
 
Figura 2: Scarpetta di Cenerentola
Figura 2: Scarpetta di Cenerentola
(foto di Parco Nazionale Isola di Pantelleria)
 
Vuoi inviare una segnalazione di inaccessibilità di questo sito web?Invia segnalazione